martedì 28 marzo 2017

Book Pride: molto più che libri

Accarezzando l'idea di partecipare a Book Pride, la fiera nazionale dell'editoria indipendente, non mi aspettavo di trovare ciò che mi ha dato la giornata di domenica a Base Milano. Sapevo, naturalmente, della presenza di molte case editrici piccole e medie, di lunga data o neonate (e proprio per questo ci tenevo ad essere presente), ma non credevo che avrei trovato il modo di riempire fra gli stand un'intera giornata e, per giunta, di non riuscire nemmeno a vedere tutto ciò che avevo programmato.
 
 
Ideato dall'Osservatorio degli editori indipendenti (ODEI), Book Pride è giunto quest'anno alla sua terza edizione e si dimostra una manifestazione importante per editori e lettori, che qui possono conoscersi di persona, presentandosi vicendevolmente e scambiando esperienze che possono andare oltre il pur importantissimo incontro mediato dalle pagine.
Uscendo da un periodo fitto di quel genere di impegni che toglie non solo il tempo di leggere ma anche quello di pensare a cosa leggere, Book Pride è stato l'occasione di una rigenerazione, nonostante il viaggio e le ore passate in piedi (unite al cambio dell'ora) abbiano reso la mia domenica parecchio faticosa. Sì, perché fra gli stand non ho incontrato soltanto le persone che correggono le bozze, promuovono i libri o traducono le opere straniere, bensì coloro che riversano la loro passione in quei meravigliosi volumi che ci permettono di svagarci e raccogliere esperienze. Non è retorica: Book Pride è un collettore di bei libri ma, soprattutto, di professionalità e talenti che danno un senso ancor più importante alla lettura, svelandoci tutto ciò che viene prima del nostro incontro con l'opera. Ho apprezzato l'esperienza anche più di quella del Salone di Torino per diverse ragioni: innanzitutto per l'esclusività di Book Pride, nel quale i grandi editori non rubano spazio ai piccoli e alle loro iniziative meno roboanti ma altrettanto o anche più meritevoli; in secondo luogo perché, forse, sono diventata più matura grazie ai contatti pregressi con i rappresentanti delle case editrici già incontrati a Torino o, virtualmente, nei mesi successivi.
 
Da Black Coffee con Sara e Leonardo
 
Durante il viaggio in treno ho selezionato dal programma alcuni eventi e cercato gli stand degli editori che avrebbero avuto la precedenza nella visita, eppure le ore trascorse a Base Milano sono volate e non ho fatto in tempo a soffermarmi da tutti come avrei voluto... il che, forse, ha impedito che dilapidassi un patrimonio, dato che, comunque, ho acquistato più libri di quanto preventivato (anche grazie agli sconti applicati in fiera). Anche gli eventi mi sono sfuggiti tra le dita: mi sono letteralmente incantata fra gli stand, rendendomi conto di essermi persa gli incontri mentre rovistavo fra le montagne di libri.
A Book Pride ho imparato tante cose sul lavoro dell'editore che prima non conoscevo e ho avuto modo di comprendere pienamente l'identità di progetti editoriali desiderosi di raccontarsi, inoltre ho affrontato la fiera anche come un terreno di caccia per nuove letture da proporre a scuola, sondando da vicino le motivazioni per cui un certo libro può essere o non essere adatto a degli studenti, quindi sono approdata a Base con una triplice natura: di lettrice, blogger e insegnante. E tutte e tre sono rimaste soddisfatte.
Innanzitutto ho incontrato di persona Simona e Laura di Jaca Books, conosciute virtualmente grazie alla lettura di Golk di Richard Stern, poi ho fatto rotta direttamente su NN editore, realtà alla quale mi sono avvicinata proprio a Torino; qui Luca mi ha illustrato le prossime uscite, in particolare l'attesissimo Bull Muntain, di Brian Panowich e, naturalmente, ho inaugurato gli acquisti della giornata con Le nostre anime di notte di Kent Haruf, recentissimo successo della casa di Viale Sabotino. Ho poi passato un bel po'di tempo nella miriade di proposte di Fazi, accertandomi delle future sorti della Saga dei Cazalet (il 20 aprile arriverà Allontanarsi, quarto e penultimo volume) e rimproverando i responsabili per l'eccesso di titoli che rendono impossibile prendere una decisione su quali acquistare e che sono finiti naturalmente in lista per i prossimi acquisti.
 
Da Iperborea con Anna
 
Book Pride mi ha dato inoltre la possibilità di conoscere direttamente Sara Reggiani e Leonardo Taiuti di Black Coffee, casa editrice nata da una costola di Edizioni Clichy e dedicata alla letteratura nordamericana contemporanea. Dopo il romanzo inaugurale Il corpo che vuoi di Alexandra Kleeman, è uscito giusto cinque giorni fa Lions di Bonnie Nadzam, che è già sul mio comodino. Nell'elegante e solare essenzialità del loro stand, Sara e Leonardo mi hanno già incuriosita nei confronti delle prossime uscite, due antologie di Mary Miller e Joy Williams che saranno pubblicati a maggio e il prossimo autunno.
Sono passata più rapidamente da Minimum fax e Marcos y Marcos (che già avevano ricevuto molta attenzione a Torino), per poi arenarmi letteralmente da Iperborea, alla quale sono arrivata con due titoli in mente, finendo per portarne a casa invece altri due non previsti. Qui, infatti, Matteo e Anna mi hanno presentato la nuova collana Luci, elegante riedizione di dieci titoli storici di Iperborea che, con questi volumetti ancor più eleganti di quelli già noti, festeggia i trent'anni di attività, venendo incontro alle richieste di ripubblicazione; attualmente sono disponibili i primi quattro titoli: Niels Lyhne di Jens Peter Jacobsen, Il nano di Pär Lagerkvis, Il pomeriggio di un piastrellista di Lars Gustafsson e Gli uccelli di Tarjei Vesaas, tutti con delle raffinate copertine realizzate in linocut.
Ho avuto poi il piacere di incontrare Federica di edizioni Sur (inizierò a conoscere questo editore con Purgatorio di Tomás Eloy Martínez) e di incontrare di nuovo i ragazzi di CasaSirio, che a Torino mi avevano presentato quello spassoso giallo western di Steven Hockensmith che è Elementare, cowboy; qui abbiamo parlato della collana morti&stramorti, dell'originalità delle storie di E.W. Hornung e di come CasaSirio le abbia scoperte (io aspetto l'annunciato cofanetto al termine della serie) e della prossima uscita di Ventuno vicende vagamente vergognose, una raccolta di tautogrammi ispirati a grandi personaggi storici e letterari scritti dal mio corregionale Walter Lazzarin.
Non potevo poi farmi mancare un salto presso add editore, soprattutto per esprimere la mia ammirazione per il raffinatissimo libro Il tramonto birmano, per poi passare a conoscere direttamente Alex e Paolo allo stand di Nutrimenti edizioni, che mi ha incuriosita con Il confine di Giulia, particolare romanzo d'esordio di Giuliano Gallini che coinvolge la figura di Ignazio Silone, presentando quindi un accattivante aggancio alla storia politica e letteraria italiana.
 
Il bottino di Book Pride
 
Ok, sono stata prolissa, ma forse così ho reso l'idea dell'entusiasmo travolgente che ho provato a Book Pride, una vera fiera dell'editoria, un concentrato di professionalità e di grande qualità. Inutile dire che gli acquisti sono nettamente inferiori alla miriade di titoli che ho aggiunto subito alla mia lista dei desideri, ma posso dire che, nonostante la crisi generata da questi assalti librosi, sono uscita da Base con la certezza di aver ancor più arricchito e sfumato la mia ricettività letteraria, soprattutto nei confronti della narrativa contemporanea e di quei libri che, sebbene non ci cadano addosso nei grandi bookstore, sono l'anima delle piccole librerie. Se anche non dovessi riuscire a tornare al Salone di Torino, il 2017 avrà comunque all'attivo una più che positiva esperienza di una fiera editoriale. E ora basta scrivere: ho parecchi libri nuovi da leggere!

C.M.

giovedì 23 marzo 2017

I morti uccidono i vivi: la maledizione delle reliquie

Siamo abituati a pensare al duello, uno dei più grandi temi letterari di tutti i tempi, come ad un momento di passaggio che si deve concludere con la morte di uno dei due combattenti. Pensando all'Iliade, certamente ci vengono in mente i duelli di Ettore con Patroclo e Achille, ma nel poema ci sono anche esempi di scontri interrotti, il più celebre dei quali è senz'altro quello fra Glauco e Diomede (Il. VI, 119-136), che si conclude con una inattesa agnizione e con lo scambio di armi da parte dei due guerrieri. Non si tratta di una chiusura inusuale, eppure ci sono duelli che, per così dire, si concludono a distanza, senza che uno dei due guerrieri possa osservare la sconfitta dell'altro.
 
Bartolomeo Pinelli, Achille trascina il corpo di Ettore (1833)
 
Analoga alla conclusione del combattimento fra Glauco e Diomede è quella del confronto armato fra Ettore e Aiace nel libro VII (181-277-312), in preparazione al quale il guerriero troiano prende congedo dalla sposa Andromaca in uno dei momenti più emozionanti del poema. I due combattenti si affrontano, ma nessuno dei due prevale, perché, calata la sera e terminato la giornata di battaglia, né Ettore né Aiace sono rimasti sul campo. La tradizione dei combattimenti epici vuole, dunque, uno scambio di doni: se non viene versato il sangue, i combattenti hanno il dovere di riconoscere il valore reciproco e di sanzionare questo onore con lo scambio delle armi. Ettore, dunque, offre ad Aiace la propria spada, mentre il figlio di Telamone offre in cambio il proprio balteo.
«Aiace, un dio t'ha dato forza e grandezza
e sapienza; con l'asta sei il primo degli Achei;
mettiamo fine adesso alla battaglia e alla lotta
per oggi; poi combatteremo ancora, fin che un dio
ci divida e conceda agli uni o agli altri vittoria;
ormai scende la notte, buono è obbedire alla notte.
[...] E diamo entrambi nobili doni all'altro,
che possa dir qualcuno fra i Troiani e gli Achei
"Han lottato quei due nella lottta che il cuore divora,
ma si son separati riconciliati e amici"».
Parlando così gli diede la spada a borchie d'argento,
col fodero gliela donò e la cinghia tagliata con arte;
Aiace gli diede la fascia splendente di porpora.

[Iliade VII, 2vv. 88-302, trad. di Rosa Calzecchi Onesti]
Exechias, Suicidio di Aiace (particolare di un vaso del VI sec. a.C.)
 
Jean Starobinski, nel saggio La spada di Aiace (parte del libro Tre furori) dedicata alla morte del principe di Salamina nella tragedia sofoclea, evidenzia che «Lo scambio, per Aiace e per Ettore, non è stato, loro malgrado, che un assassinio differito». Per quale motivo lo studioso propone questa interessante lettura? I due oggetti sono strettamente legati alla morte dei due guerrieri e si fanno veicolo di una maledizione: secondo Sofocle, la cintura di Aiace viene utilizzata da Achille per legare il corpo di Ettore al carro con cui il combattente Acheo lo trascina attorno alle mure di Troia per farne strazio, mentre con la spada del principe di Ilio Aiace si dà la morte dopo l'attacco di follia che lo ha portato a sterminare gli armenti al seguito dell'esercito Acheo nella convinzione di compiere strage degli Atridi e di Odisseo, rei di non avergli concesso l'ambita eredità delle armi di Achille. L'oggetto di un guerriero, insomma, provoca la distruzione dell'avversario giorni e mesi dopo la conclusione dello scontro diretto. Questa situazione costituisce una sorta di corollario della regola sacra per cui un disegno divino, quale che sia e in qualsiasi modo si tenti di modificarlo, è sottoposto alla necessità del compimento: un duello, alla pari di un vaticinio, vuole distruzione e distruzione deve produrre.
Come potrò staccarti, infelice,
da questa lama lucida e crudele,
da questo ferro assassino
che ti ha tolto la vita? Tu non sapevi
che un giorno ti avrebbe ucciso Ettore,
da morto. In nome degli dei, guardate
la sorte di questi due uomini:
con la cintura che ricevette in dono da Aiace,
Ettore fu legato al parapetto del carro
e trascinato fino a perdere la vita;
e Aiace che da lui ebbe in dono questa spada,
su di essa si è gettato e si è ucciso.
Non fu forse l'Erinni a forgiare quest'arma?
Non fu forse il crudele Ade a fabbricare
quella cintura? Io dico che tutto questo,
come ogni altra cosa, è una trama
degli dei contro gli uomini.
[Sofocle, Aiace, vv. 1024-1039, trad. di Maria Grazia Ciani] 
Non troppo diversa appare la morte di Eracle così come è raccontata nelle Trachinie di Sofocle. Qui è Deianira, la donna che Eracle ha salvato dalle brame del centauro Nesso per poi farne la propria sposa, ad utilizzare una reliquia mortifera: convinta di poter riaccendere l'amore del marito, ella presta fede alle ultime parole del suo aguzzino, il quale le ha consigliato di conservare il suo sangue per ricavarne un potente filtro magico. Ma il sangue di Nesso è commisto al veleno dell'Idra presente sulla freccia di Eracle che ha colpito il centauro e il filtro, cosparso, secondo le indicazioni del mostro, sugli abiti dell'eroe, si trasforma in un terribile veleno ustionante che causa all'eroe una morte lenta e dolorosa. Come scrive Barbara Goward, si tratta di due casi in cui «i morti uccidono i vivi».

Niccolò dell'Abate, Morte di Turno (1509 ca.)

Una ulteriore analogia lega Aiace (o, per meglio dire, la sua reliquia) ad un altro guerriero, questa volta presente nell'Eneide, poema che, come è noto, si ispira in larga misura a quelli omerici. Il duello fra Enea e Turno, infatti, sembrerebbe volgere in un atto di misericordia da parte del combattente troiano, che, di fronte al suo avversario accasciato al suolo, trattiene per un attimo il colpo fatale. Ma ecco che, d'improvviso, il balteo di Pallante, che Turno ha strappato al nemico morente e che indossa in battaglia, scatena il risentimento di Enea, memore del giuramento di vendetta prestato ad Evandro, padre del giovane sconfitto dal capo dei Rutuli. Pallante caduto, dunque, uccide a distanza il suo assassino, invitando Enea a compiere il destino che lui stesso non ha potuto realizzare.
S'arrestò, aspro in armi,
Enea, rotando gli occhi, lasciò cadere la destra:
e sempre e sempre di più le parole piegavano
il cuore esitante, ma ecco brillò sulla sua spalla, fatale,
il balteo, brillaron le cinghie dalle borchie ben note,
del fanciullo Pallante, che Turno colpì di ferita
e calpestò: e il trofeo del nemico sulle spalle portava.
Enea, come con gli occhi, ricordo d'atroce dolore,
toccò quell'insegna, acceso di furia e nell'ira
terribile: «Tu dunque, vestito delle spoglie dei miei,
mi sfuggirai dalle mani? Pallante con questo mio colpo,
Pallante t'immola, e si vendica nel tuo sangue assassino!»
Così gridando, gli immerge nel petto la spada
senza pietà. Con un fremito s'abbandonò allora il corpo,
e la vita gemendo fuggì angosciata fra l'ombre.
[Virgilio, Eneide XII, vv. 938-952, trad. di Rosa Calzecchi Onesti]
Non è dunque isolata la presenza, nella letteratura, di un oggetto ammaliante che produce gli effetti attesi dal momento della sua apparizione: la cintura di Aiace, la spada di Ettore, il sangue di Nesso e il balteo di Pallante esercitano un fascino morboso che sfocia nella morte di chi ha combattuto sotto il segno di questi elementi. Essi sono Erinni personificate, divinità della morte che insegue in una catena senza fine le proprie vittime ma, in senso moderno, hanno anche il ruolo di una pistola di Čhecov, poiché la loro presenza non è mai puramente estetica, ma acquisisce una funzione distruttiva.

C.M.

martedì 14 marzo 2017

Nessuno scrive al colonnello (García Márquez)

Qualche mese fa, ad un mercatino del libro usato, mi sono imbattuta in uno dei racconti di Gabriel García Márquez che fanno parte dell'incantevole microcosmo di Macondo. Il brevissimo racconto è intitolato Nessuno scrive al colonnello e, dato che è molto concentrato, non può tenere compagnia che per un'oretta, senza tuttavia far mancare delle fantasiose divagazioni a coloro che hanno letto e apprezzato narrazioni più distese come quella di Cent'anni di solitudine.
 
Il colonnello cui allude il titolo è un reduce della guerra civile in attesa della pensione di guerra promessa a lui e a tanti altri militari dall'armistizio di Neerlandia del 1902: ogni giorno si reca alla stazione di posta sperando di ricevere finalmente il compenso che gli spetta per poter porre fine alla miserabile esistenza di privazioni che conduce con la moglie. Tutto quanto gli è rimasto dopo la morte del figlio Agustín è un gallo da combattimento al quale sacrifica il poco cibo disponibile, convinto che dalle scommesse sulla vittoria del pennuto deriveranno guadagni sufficienti al sostentamento suo e della moglie nell'attesa della paga; l'animale, inoltre, è tutto quanto resta del ricordo di Agustín, l'unico legame con un passato ormai irrecuperabile. Perciò il colonnello resiste orgogliosamente alle offerte di denaro dei potenziali acquirenti del gallo, sebbene la moglie, vecchia e malata, cerchi in ogni modo di convincerlo ad accontentarsi di somme molto inferiori a quelle che accetterebbero coloro che desiderano il gallo solo per speculare e lucrare dalla rivendita: il colonnello, saldamente ancorato alla parola del colonnello Aureliano Buendía, è convinto che il denaro promesso arriverà e che lo spirito dell'eroe della guerra dei mille giorni veglierà sul suo destino, impedendogli di morire di fame.
Scritto nel 1958, Nessuno scrive al colonnello è ben lontano dalla grandezza dei maggiori romanzi di Gabriel García Márquez: mancano personaggi memorabili come quelli di Cent'anni di solitudine (sebbene venga nominato Aureliano Buendía), passioni totalizzanti come quelle che trionfano ne L'amore ai tempi del colera o in Dell'amore e altri demoni e non si riscoprono le tensioni e il ritmo del giallo Cronaca di una morte annunciata, che, pur breve, ha una ricchezza narrativa e descrittiva che lo rende un gioiello. 
Nessuno scrive al colonnello, insomma, è l'unico romanzo di Gabo che fino a questo momento mi ha delusa, sebbene affronti un tema che mi è caro e che, per certi aspetti, mi ha fatto associare l'anonimo colonnello a quel tenente Giovanni Drogo che invecchia presso la fortezza bastiani nel romanzo Il deserto dei Tartari di Dino Buzzati. Anche in quel libro, infatti, incontriamo un militare intrappolato in un'esistenza ripetitiva e alimentata soltanto da un senso di aspettativa immenso creato sulla base delle parole di un personaggio esterno al racconto, di una diceria, di una voce che è poco più che una chiacchiera; il colonnello e il tenente sono due figure in simbiosi con un'aspirazione legata alla gloria, quella passata per il personaggio di Gabriel García Márquez e un vagheggiamento futuro per quello di Buzzati. Appare curioso che il senso di attesa e disagio sembri per entrambi gli scrittori legato alle contingenze lavorative: se è vero che Buzzati ha tradotto nella sorte di Drogo quella della sua deludente occupazione al Corriere della Sera, Gabo avrebbe sfogato nella frustrazione del colonnello la propria insofferenza per il mancato pagamento del suo lavoro come corrispondente per il giornale El Espectador a causa della chiusura imposta dal regime militare di Gustavo Rojas Pinilla.
Nonostante questo legame con un altro autore amato e nonostante il movente autobiografico della narrazione, questa volta Gabo non mi ha conquistata. Del resto devo rconoscergli che, avendo creato alte aspettative con i romanzi già citati ed essendo partita proprio da quello che è considerato il suo capolavoro, era inevitabile che un titolo, fra gli altri, non riuscisse ad affermarsi fra quelli più riusciti.

C.M.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...