giovedì 25 aprile 2013

25 Aprile 1945

La festa nazionale dell'anniversario della Liberazione venne istituita il 22 aprile 1946 e resa definitiva il 27 maggio del 1949. La data fu scelta in riferimento al giorno dell'entrata dei Partigiani nelle città di Milano e Torino e rappresenta, oltre alla celebrazione della Liberazione e della Resistenza, la fine della seconda Guerra mondiale. 
In un periodo in cui ancora si facevano sentire le ostilità, le tensioni e le difficoltà di convivenza in un popolo rimasto spaccato per vent'anni, l'istituzione delle celebrazioni è legata ad una brevissima dichiarazione brevissima ma solenne:
«A celebrazione della totale liberazione del territorio italiano, il 25 aprile è dichiarato festa nazionale» (DL 185 22 aprile 1946, art. 1.)
Foto di Athenae Noctua

Vi propongo, per celebrare questa importante giornata, un racconto-testimonianza di Dino Buzzati intitolato 25 aprile, che ben descrive la carica di speranza e gioia che attraversò il popolo italiano, finalmente libero dagli orrori della dittatura e della guerra mondiale e civile.
Ecco, la guerra è finita.
Si è fatto silenzio sull'Europa.
E sui mari intorno ricominciano di notte a navigare i lumi.
Dal letto dove sono disteso posso finalmente guardare le stelle.
Come siamo felici.
A metà del pranzo la mamma si è messa improvvisamente a piangere per la gioia, nessuno era più capace di andare avanti a parlare.
Che da stasera la gente ricominci a essere buona?
Spari di gioia per le vie, finestre accese a sterminio, tutti sono diventati pazzi, ridono, si abbracciano, i più duri tipi dicono strane parole dimenticate.
Felicità su tutto il mondo è pace!
Infatti quante cose orribili passate per sempre.
Non udremo più misteriosi schianti nella notte che gelano il sangue e al rombo ansimante dei motori le case non saranno mai più così immobili e nere.
Non arriveranno più piccoli biglietti colorati con sentenze fatali,
Non più al davanzale per ore, mesi, anni, aspettando lui che ritorni.
Non più le Moire lanciate sul mondo a prendere uno qua uno là senza preavviso, e sentirle perennemente nell'aria, notte e dì capricciose tiranne.
Non più, non più, ecco tutto;
Dio come siamo felici.

 Felice Festa della Liberazione a tutti gli Italiani!


C.M.

8 commenti:

  1. Bellissima testimonianza! Felice anniversario della liberazione anche a te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho pensato che le parole di un personaggio di spicco della nostra cultura che ha vissuto quei momenti fossero molto più adatte delle mie a spiegarci la drammaticità della situazione passata dal Paese e la gioia di vederlo finalmente libero!

      Elimina
  2. Bellissima la pagina di Buzzati. Grazie, Cristina, ci voleva!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come scrivevo a Frannie, le testimonianze di chi ha vissuto quei momenti sono sempre le più eloquenti, hanno un valore quasi sacro... per quest ho lasciato parlare un nostro grande autore!

      Elimina
  3. grazie tantissimo, anche della foto di Buzzati, che non avevo mai visto, l'avevo sempre immaginato più robusto, un po' come Nero Wolf, e non so perché. Quando rileggerò Il deserto dei Tartari sarà un'esperienza completamente diversa con questa sua nuova immagine davanti agli occhi ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nemmeno io avevo mai visto il volto di Buzzati: lo immaginavo come un tipo particolare e con una vena di maledettismo e insieme di ironia nell'aspetto... non so perché, dato che devo ancora leggere un suo romanzo!

      Elimina
  4. ciao c'è una sorpresuccia per te qui
    http://librodolcelibro.blogspot.it/2013/04/addirittura-tre-premi.html
    ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Saralinda! Provvederò a rispondere al più presto con un post apposito! Intanto mi leggo le tue risposte! :D

      Elimina

La tua opinione è importante: condividila!