giovedì 11 maggio 2017

Owl Prize #19

Che bello mettersi giù a scrivere qualcosina su quello che scrivono gli altri. Eh sì, il web assorbe una buona parte delle nostre energie e, fortunatamente, se si seguono i percorsi giusti, si riesce a farne un uso produttivo e se ne traggono delle soddisfazioni. Molte delle migliori riflessioni che si insinuano nelle mie giornate, infatti, provengono da angoli più o meno frequentati del web, ma tutti accomunati dalla loro qualità. Così è nata la rubrica Owl Prize, che anche oggi sottopone alla vostra attenzione una selezione di otto articoli meritevoli di lettura in cui mi sono imbattuta negli ultimi mesi.

  • Il primo di essi è un post di Davide per il blog collettivo Tre racconti (al quale è connessa una pregevole rivista dal medesimo titolo) che analizza il racconto Il Babau di Dino Buzzati, indagandone le particolarità e le simbologie. La segnalazione di questo pezzo è anche l'occasione per indirizzarvi al progetto web di cui fa parte, davvero ottimo e per nulla rivelatore della sua natura amatoriale.
  • Su Scratchbook, Maria (che è anche una delle redattrici del sopraccitato progetto di Tre racconti) affronta la questione del silenzio (perduto) del lettore, che ci porta a riflettere sulla spettacolarizzazione del rapporto con i libri e sull'importanza di coltivare la solitudine come una risorsa e non come un pericolo.
  • Di recente ho letto l'ultimo romanzo di Haruf, ma già nei giorni della sua uscita avevo seguito le vicende ad esso collegate, in particolare la presentazione del volume in Italia da parte di Cathy Haruf, vedova dell'autore: a parlarne in modo emozionante, facendoci vivere l'intensità di questo incontro, è stata soprattutto Elisa, la Lettrice rampante, che l'ha incontrata a Milano.
  • La scuola di oggi si fonda sul concetto di competenza, a dire il vero molto più complesso di quanto si possa pensare; a spiegarci in cosa esso consista interviene Didatticarte: illustrandoci l'efficace similitudine delle competenze come setaccio, Emanuela ci guida alla scoperta di un aspetto didattico che muove dalle conoscenze ma va ben oltre, trasformandole in qualcosa che deve contribuire alla consapevolezza del discente.
  • Grazie a Luz ho scoperto quell'originalissima forma d'arte e di culto del libro che è la fore-edge painting, una raffinata pittura sul profilo delle pagine nata per contrastare la serialità della produzione a stampa che ci viene descritta nel blog Io, la letteratura e Chaplin.
  • Molti lettori avvertono una certa difficoltà nell'approccio ai racconti e al loro non-detto: su Internostorie, Marina prova ad affrontare la questione con un azzeccato parallelismo fra il romanzo e le serie tv da un lato e il racconto e il film dall'altro.
  • Per restare in tema di rapporto fra lettori e libri, non possiamo negare di esserci trovati tutti, almeno una volta, in una fase di blocco del lettore: nel suo blog Il giro del mondo attraverso i libri, Claudia analizza le possibili cause di questo disturbo e, soprattutto, ci fornisce cinque consigli per superarlo.
Come sempre, vi auguro buona lettura, nella certezza che in questi blog possiate trovare di che soddisfare la vostra curiosità.

C.M.

12 commenti:

  1. Bel poste grazie della dritta. Alcuniblog non li conoscevo ancora.
    Ciao e buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo scopo della rubrica è anche quello di far conoscere i blog che ritengo meritevoli di attenzione. Grazie per essere passata e buona giornata anche a te!

      Elimina
  2. Carissima, che gioia!
    grazie davvero.
    Con il tuo lavoro non ci perdiamo nulla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrei solo essere più costante per raccogliere più articoli! Grazie a te per il profondo spunto di riflessione!

      Elimina
  3. Grazie per aver segnalato anche un mio articolo!
    A presto!
    Claudia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per averlo scritto, fornendoci dei suggerimenti da tenere presenti in una situazione critica! :)

      Elimina
  4. Mi sono persa degli articoli, grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lieta di aver offerto un piccolo memorandum! :)

      Elimina
  5. Grazie per queste segnalazioni e per aver apprezzato e menzionato uno dei miei post, Cristina. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per avermi fatto conoscere una forma d'arte di cui ero completamente all'oscuro!

      Elimina
  6. Grazie (in ritardo) per queste interessantissime segnalazioni. e grazie soprattutto per aver nominato un mio post :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per il tuo interessantissimo post! :)

      Elimina

La tua opinione è importante: condividila!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...